venerdì 23 marzo 2012

Pastiere di grano mono porzione


Sapete che questa sarà una Pasqua speciale per tutti noi?. Mia sorella ha un grosso "uovo", ma davvero enorme che dovrebbe aprire proprio entro Pasqua. Dentro c'è un pulcino che tutti stiamo aspettando da ben nove lunghissimi mesi!. Questo pulcino si chiamerà Alessandro. 

Non vi dico, io sono euforica...forse a tratti stressante perché ogni mattina chiamo la futura neo mammina per chiederle come sta. In realtà il messaggio nascosto è "non si muove ancora niente lì dentro???, tappo scoppiato...acque rotte....contrazioni in partenza?" e lei ha pazienza, tanta e quindi risponde che va tutto bene, tutto uguale. 
La persona più sofferente al momento è tuttavia il mio gnomo, sa bene che il viaggio dai nonni è subordinato alla nascita del cuginetto. Ogni giorno appena sveglio mi chiede "E' nato Alessandro?"...all'ennesimo no, sbotta sempre allo stesso modo "e quando nasce questo Alessandro??? Ma è pazza zia Andreina? Le scoppierà quella panciona!". 
E allora... "Alessandro e dai, su su...facci questo regalo per Pasqua e vieni fuori dal guscio!".

Per rimanere in tema pasquale vi regalo le mie pastiere di grano mono porzione, un'idea carina da mettere sulla tavola delle feste per ogni commensale, io non aggiungo i canditi perché non mi piacciono ma voi fate pure.

Ingredienti per 7 pastiere monoporzione
La crema:
300 gr di grano cotto per pastiera  (il vasetto è da 560gr)
150 gr di latte
1/2 cucchiaio di burro
400 gr di ricotta
350 gr di zucchero
3 uova intere
2 tuorli
una busta di vaniglia
1 fiala di fiori d'arancio
150 gr di crema pasticciera

La pasta frolla:
250 gr di farina
100 gr di zucchero
100 gr di burro
2 uova intere
la scorza grattugiata di un'arancia
1 cucchiaino di lievito per dolci

Procedimento:

In un tegame versate il latte, il grano cotto ed il burro. Far bollire mescolando finchè non diventi una crema densa. Quando si sarà raffreddata aggiungere la ricotta, lo zucchero, le uova intere ed i tuorli, la vaniglia, i fiori di arancio e la crema pasticciera preparata in precedenza.

Io d'abitudine frullo tutto per avere una cremina piacevole al palato, però alcuni preferiscono lasciare i grani interi.
A questo punto preparate la pasta frolla facendo una fontana con la farina mischiata allo zucchero, aggiungete la scorza di arancia grattugiata, il burro tagliato a pezzetti e le uova. Io metto anche un cucchiaino di lievito per dolci e poi impasto velocemente, l'impasto della frolla non deve assolutamente scaldarsi. La palla ottenuta deve riposare in frigo avvolta  nella carta forno o nella pellicola per almeno un'ora.

Trascorso questo tempo, prendete l'impasto e stendetelo in una sfoglia alta mezzo cm. Ricavatene dei dischi con cui andrete a foderare gli stampini per crostata imburrati ed infarinati. Distribuite in modo uniforme la crema e completate con delle strisce di impasto in superficie, formando una griglia.

Infornate a 200° fino a cottura. La pastiera dovrebbe, una volta cotta, restare in forno almeno un'ora affinché si asciughi del tutto.

Quando saranno fredde spolverizzatele di zucchero a velo.

Per avere una pastiera ben asciutta è indispensabile che la ricotta utilizzata (preferibilmente di bufala) non sia fresca di giornata. Più la ricotta sarà asciutta e migliore sarà il risultato finale.


9 commenti:

  1. Favolose tortine che spero faranno festa all'arrivo del piccolo pulcino :-)

    Buon week end

    RispondiElimina
  2. Deliziosa idea la pastiera mono porzione! mi ha sempre tentato il barattolo di grano ma ancora non l'ho mai preso dallo scaffale.. però queste "pastierine" sono proprio speciali e invitano alla prova! bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma si prova...poi tengono per diversi giorni

      Elimina
  3. Ces petites tartelette au céréales et ricotta me semble un vrai délice, ils sont superbes, bravo!

    RispondiElimina
  4. Che buona la pastiera!!!!!!!!!!
    Tra un pò di giornoi pubblicherò anche la mia!!!!!!
    Baci

    RispondiElimina
  5. mi piace la monoporzione per questo dolce, brava!
    buon w.e.

    RispondiElimina
  6. buonissima la pastiera... ce la fa sempre una cara amica di Salerno!
    Bacioni

    RispondiElimina

Grazie per avermi scritto :)